lunedì 1 ottobre 2012

Un Petit Caprice





C’è un rituale incastonato nel gesto tipicamente femminile di ricercare un oggetto nella propria borsa. Quasi a voler inseguire un pensiero smarrito, le mani affondano nella morbidezza di una fodera di seta, colorata o scura, ma sempre tale da assecondare lo stato d’animo dell’istante in cui la scegliamo. Ormai abituate a volumi importanti, presuntuose imposizioni di carattere sull’outfit scelto, spesso non ci preoccupiamo di scegliere con cura cosa stipare in quella griffata realtà parallela che così fedelmente di accompagna.


Talvolta ne facciamo vessillo di una vantata e minuziosa organizzazione, il fazzoletto ricamato e quello di velina per il fidanzato distratto, il rossetto in diverse nuances (sia mai che ci venga voglia di cambiare ancora), l’agenda stracolma di cose da fare e di wishlist che non esaudiremo (o forse sì), le penne iconiche, il continental wallet color crema, il libro perfetto, per prendere ispirazione, la collana che non abbiamo avuto tempo di indossare davanti allo specchio, la cui ricerca affannosa impegnerà tutti i quarantatre secondi del primo semaforo rosso... Tutto, in quello spazio, parla di noi. Non si preoccupa di mutare troppo nel tempo, e lascia sulla totalità degli oggetti un velo che ammorbidisce l’insieme e perde il particolare.

In controtendenza a queste consolidate capienze si affacciano con eleganza ritrovata piccole tracolle strutturate, apparse da qualche stagione e proposte con decisione per questo autunno inverno. Affiancate da doctor bag dal sapore squisitamente retrò e cartelle maschili dai dettagli metal, le nuove mini bag vestono figure in movimento, accompagnandone i gesti e focalizzando l’attenzione sul particolare senza sovraccaricare l’insieme. La classica tracollina quadrata di Chanel risfodera la sua contemporaneità, mentre altre case di moda si ispirano a forme rivisitate e ridotte.

Lo sa bene Michael Kors, stilista newyorkese che ha saputo fare breccia nel guardaroba di blogger e celebs proponendo accessori dal piglio contemporaneo e mai scontato, e che quest’anno presenta in versione small il suo modello messenger Hamilton. Mignon ricercata, piccolo lusso in pelle saffiano dai particolari gold che arricchiscono la classica chiusura a lucchetto logato, gioca con la tracolla strutturata in due dettagli, l’uno da giorno, focalizzato sul nastro di pelle, e l’altro da sera, con la parte in catena dorata, ad avvicinare con sapienza le due sfaccettature più distinte dei nostri look. All’interno, una piccola poche ci restituisce il ricordo dei grandi spazi, mentre la capienza vera e propria ci consente di portare con noi solo lo stretto necessario.

Un petit caprice, dunque, ma anche un nuovo modo di concepire la borsa, accessorio per eccellenza, che adorna senza coprire, e che contiene di giorno in giorno, la donna che vogliamo essere.








MICHAEL MICHAEL KORS
MINI HAMILTON BAG






Tumblr

1 commento:

  1. this handbag looks so adorable, and little one is soooo cute :)

    http://theshortiesfashion.blogspot.co.uk/

    RispondiElimina

Thanks for your comments

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...